Bilancio sociale e Relazione di missione

Bilancio sociale

Il Bilancio sociale è il nuovo strumento di trasparenza con cui gli Enti del Terzo Settore di grandi dimensioni presentano la propria attività e le modalità di funzionamento interno.

Il comma 1 dell’art 14 richiede che gli enti con entrate superiori al milione di euro di:

  • depositare il Bilancio sociale presso il registro unico del terzo settore

  • pubblicare il bilancio nel proprio sito Internet

Il contenuto del Bilancio sociale sarà definito da un successivo decreto del Ministero del lavoro

Il bilancio sociale dovrà contenere parametri per la valuations dell’impatto sociale: per valutazione dell’impatto sociale si intende la valutazione qualitativa quantitativa, sul breve , medio e lungo periodo degli effetti delle attività svolte sulla comunità di riferimento rispetto all’obiettivo individuato.

Relazione di Missione

Gli enti che non dovessero superare la soglia di ricavi di 1.000.000,00 Euro dovranno allegare al bilancio o rendiconto per cassa la Relazione di missione che ha la funzione di integrare gli altri documenti del bilancio delle imprese non profit per garantire un’adeguata rendicontazione sull’operato dell’ente e sui risultati ottenuti, con una informativa centrata sul perseguimento della missione istituzionale.

Nello specifico tale documento dovrà fornire informazioni rispetto a tre ambiti principali:

  • missione e identità dell’ente;

  • attività istituzionali, volte al perseguimento diretto della missione;

  • attività strumentali, rispetto al perseguimento della missione istituzionale (attività di raccolta fondi e di promozione istituzionale).

In particolare, dovranno essere individuate:

  • le finalità istituzionali, che esprimono la ragion d’essere dell’ente in termini sia di “problemi” che questo vorrebbe contribuire a risolvere o affrontare, sia di cambiamenti che vorrebbe determinare attraverso la svolgimento delle sue attività;

  • il sistema di valori e di principi che qualifica le finalità e, unitamente a queste, orienta le scelte strategiche ed i comportamenti operativi dei membri dell’ente;

  • le principali tipologie di attività attraverso le quali l’ente intende perseguire le finalità istituzionali, coerentemente con il sistema di valori e principi.

  • sistema di governo e controllo, illustrando l’articolazione, la responsabilità e la composizione degli organi e le regole che determinano il funzionamento; quando rilevante rispetto alle previsioni statutarie, approfondimento sugli aspetti relativi alla democraticità interna e alla partecipazione degli associati alla vita dell’ente;

  • risorse umane, precisando consistenza e composizione in relazione alle diverse tipologie (personale retribuito, volontari, giovani in servizio civile,

  • ecc.).

Via Roccaromana 22, Roma

Stazione Metro C Teano